Intelligenza artificiale e diritto societario

Indice dei contenuti delle ricerca

 

Approfondimenti 

  • All
  • agende legali
  • area diritto (banche dati)
  • area fiscale (banche dati)
  • area lavoro (banche dati)
  • banche dati
  • corner
  • ebook
  • esame avvocato
  • formazione
  • kit
  • libri
  • riviste
  • software
    •   Back
    • cancelleria
    • buste e cartoline per notifica
    • borse, zaini e articoli per il business
    • toghe, cordoniere e pettorine
    •   Back
    • diritto amministrativo
    • diritto penale
    • diritto del lavoro
    • diritto civile
    • diritto industriale e diritto d'autore
    • diritto comunitario e internazionale
    • diritto societario e commerciale
    • diritto fallimentare e crisi d'impresa
    • concorsi ed esami
    • saggistica e varia
    • energia e ambiente
    • edilizia e urbanistica
    • fisco e tributi
    • contabilità e bilancio
    • storia del diritto
    • diritto romano ed ecclesiastico
    • dizionari
    • privacy
    • diritto costituzionale
    • consulenza del lavoro
    • circolazione stradale e infortunistica
    • diritto delle nuove tecnologie, informatica e digitale
    • informatica e digitale
    • teoria e filosofia del diritto
    • diritto pubblico
    • urbanistica ed edilizia
    • cosulenza del lavoro
    • concorso magistratura
    •   Back
    • corsi
    • eventi e convegni
Il Ruolo dell’intelligenza artificiale nel funzionamento del consiglio di amministrazione delle società per azioni

INDICE COMPLETO Il progresso tecnologico e, in particolare, il diffondersi dell’intelligenza artificiale costituiscono, nell’ambito delle attività imprenditoriali, un elemento di innovazione non più solo a livello produttivo, ma anche a…

Il prezzo originale era: 24,00 €.Il prezzo attuale è: 22,80 €.
L’impresa nell’era dell’intelligenza artificiale: un’evoluzione tranquilla o nulla sarà più lo stesso?

L'intelligenza artificiale, che sta ormai entrando nella quotidianità della nostra società, ha un significativo impatto anche sulle imprese. Sperimentata la fintech (nell'ambito dei mercati finanziari) si sta ora sviluppando la…

Il prezzo originale era: 20,00 €.Il prezzo attuale è: 19,00 €.

APPROFONDIMENTI della nostra redazione

Il ruolo dell’intelligenza artificiale nelle realtà imprenditoriali e, per l’effetto, nelle vicende giudiziarie che a vario titolo investono il mondo dell’impresa, è ormai acclarato. A partire dalla evidenti interazioni tra il sistema di alert introdotto dalla recente riforma della crisi d’impresa, con l’utilizzo di strumenti tesi a potenziare le performance del modello predittivo ed estimativo del rischio di insolvenza. A ciò aggiungasi che l’intelligenza artificiale già costituisce un punto fermo nella valutazione “esterna” del funzionamento dell’impresa societaria, soprattutto in ambito bancario e finanziario, come parametro essenziale ai fini del ricorso al capitale di finanziamento.

Sotto altro profilo, come evidenziato dalla dottrina più attenta (Abriani), l’intelligenza artificiale produrrà effetti anche sulla corporate governance. In diverse direzioni. Innanzitutto, già in relazione al procedimento deliberativo stanno emergendo le prime sperimentazioni di modalità di voto basate sulle tecnologie di blockchain o di verbalizzazione della partecipazione dei soci in assemblea fondate su sistemi di smart contracts. Inoltre, appare primario il ruolo che l’intelligenza artificiale si ritaglierà come mezzo di ausilio nell’attività gestoria, ovvero come elemento nella costruzione degli assetti organizzativi, amministrativi e contabili delle società. E ciò consiste essenzialmente nella possibilità che gli amministratori avranno di ricorrere al sostegno di algoritmi a supporto dei processi decisionali e, dunque, di influire direttamente sulla conduzione delle imprese.

In tal senso, l’utilizzo dell’intelligenza artificiale potrà manifestarsi in termini più evidenti anche nella selezione a monte degli amministratori, nella determinazione della remunerazione dei dirigenti, nella gestione dei rischi e nel miglioramento delle funzioni di conformità, nelle relazioni con gli investitori. Fino ad arrivare, ed è questo il tema più spinoso, nell’ acquisire un ruolo di affiancamento dei gestori all’interno dei Cda e, nei casi, più estremi, di sostituzione integrale degli stessi nel board. Non mancano sporadici precedenti in tal senso.

Dal primo caso di Vital, una società di Hong Kong specializzata in medicina rigenerativa, che nel 2014 ha nominato quale membro del proprio Cda un algoritmo con il compito di analizzare enormi quantità di dati sulla situazione finanziaria, le sperimentazioni cliniche e la proprietà intellettuale delle future società e dotato del diritto di voto sulle opzioni di investimento della società. Alla finlandese Tieto, società di software, che nel 2016 ha nominato un’intelligenza artificiale come membro del team direttivo della sua unità di data-driven business. Alicia, questo il nome dell’algoritmo, era dotato di un sistema di interazione che gli consentiva di avere uno scambio con gli altri componenti del team e di esprimere proprie valutazioni. Come è evidente, il tema principale che attiene all’utilizzo dell’intelligenza artificiale in sostituzione o in affiancamento degli amministratori è quello della responsabilità. Il che impone, da un lato, e prioritariamente, che l’intelligenza artificiale utilizzata nelle società sia assistita dal più assoluto principio di trasparenza relativamente al processo creativo e alla tecnologia abilitante degli algoritmi utilizzati.

Per altro verso, è dirimente definire la esatta imputazione della responsabilità collegata all’utilizzo dell’intelligenza artificiale. Perché, contrariamente a quanto avviene nei Paesi di common law, nell’ordinamento italiano allo stato non è possibile separare il principio della responsabilità da quello della sua imputazione ad un soggetto di diritto, ovvero quello della personalità giuridica. Solo un soggetto con capacità di agire può rispondere degli atti giuridici compiuti. E ciò non può che valere anche per l’intelligenza artificiale, dov’è ancora lontano il ricorso alla elaborazione della cosiddetta “personalità artificiale”.

Fino a quel momento, se mai ci sarà, sarebbe opportuno cominciare ad avviare un percorso unitario, in ambito europeo, che sulla base del Libro bianco della Commissione in tema di intelligenza artificiale del febbraio 2020, provasse ad elaborare un sistema di indirizzi comuni. E ciò per determinare un nuovo quadro giuridico in tema di responsabilità dell’intelligenza artificiale che sia orientato al futuro, a tutela dei cittadini e delle imprese europee. Docente di diritto commerciale nell’Università degli Studi di Napoli Federico II e componente del comitato tecnico scientifico dell’Istituto per il governo societari

Nel corso degli ultimi anni, l’Intelligenza Artificiale (AI) e i pericoli ad essa correlati sono stati uno dei temi più dibattuti a livello pubblico nell’ambito delle discussioni sulle nuove tecnologie. A causa delle crescenti preoccupazioni, provenienti, in particolare, da un consistente numero di esperti del settore, la maggior parte dei Paesi industrializzati ha cominciato a voler regolamentare l’AI.

Anche l’Unione europea si è attivata e, dopo l’adozione di un Libro bianco nel febbraio 2020 e diversi studi ad hoc sull’argomento, la Commissione europea ha pubblicato, nell’aprile 2021, una prima bozza di legge sull’AI, denominata AI Act.

Lo scopo di questo intervento legislativo è tracciare un quadro di riferimento dal punto di vista giuridico per lo sviluppo, il posizionamento sul mercato, e l’utilizzo dei prodotti e servizi di AI nei Paesi dell’Unione Europea, fornendo, al contempo, un sistema che tenga conto dei rischi di tali innovazioni e che, conseguentemente, imponga specifici vincoli e doveri ai soggetti coinvolti nella creazione e distribuzione di sistemi di AI.

La proposta di legge si divide in dodici Titoli, ma il Titolo II, III e IV sono quelli più rilevanti, in quanto contengono i concetti cardine su cui si basa l’intero documento.

 Il Titolo II stabilisce una serie di pratiche di AI vietate, poiché riconosciute come dannose per la sicurezza e i diritti dell’individuo. Tali pratiche includono, ad esempio, sistemi di AI che utilizzano tecniche manipolative o ingannevoli, che sfruttano le vulnerabilità delle persone, che portano alla creazione di punteggi di credito sociale creando trattamenti sfavorevoli, che usano sistemi di identificazione biometrica remota in tempo reale in spazi pubblici. A causa dei rischi associati, tutte queste pratiche sono vietate dalla proposta.

• Il Titolo III si occupa di regolamentare i sistemi di AI ad alto rischio.
Con questa espressione, il provvedimento indica i sistemi AI utilizzati come componenti di sicurezza di un prodotto, quelli che sono essi stessi un prodotto, coperto dalla legislazione UE in materia di salute e sicurezza e, infine, quelli che rientrano nelle aree elencate nell’allegato III dell’AI Act .

Se un sistema AI rientra in una di queste tre casistiche, viene classificato come ad alto rischio e per essere immesso sul mercato dovrà soddisfare numerosi requisiti.
Sarà necessario, anzitutto, istituire, attuare e mantenere un sistema di gestione del rischio, oltre che uno di data governance.

Secondariamente, bisognerà redigere una documentazione tecnica prima dell’immissione di un sistema sul mercato per dimostrare che questo è conforme ai requisiti imposti dal provvedimento, e possedere un registro che garantisca la costante tracciabilità del funzionamento del sistema per tutto il tempo in cui rimane sul mercato.

È richiesta trasparenza per facilitare gli utenti nell’interpretazione e nell’utilizzo appropriato dei dati, oltre che una costante supervisione umana e un adeguato livello di accuratezza e sicurezza informatica.

Ovviamente, questi obblighi si estendono a tutta la catena di produzione.
Ai fornitori, in aggiunta, è richiesto di conservare la documentazione tecnica del sistema di AI, assicurarsi che questo sia conforme alle regole stabilite dalla proposta e, nel caso non lo fosse, di adottare le azioni correttive necessarie e di informare tempestivamente le autorità nazionali di vigilanza degli Stati membri in cui il sistema AI è stato reso disponibile.

Questo livello di controllo reciproco si estende anche agli altri operatori. Importatori e distributori, infatti, sono ugualmente tenuti a verificare che i soggetti intervenuti prima di loro abbiano seguito tutte le procedure previste e che il sistema di AI sia conforme ai requisiti della proposta. Ad aiutare in questa attività è la presenza di un marchio di conformità con la sigla CE, che deve essere apposto dal fornitore se il sistema rispetta tutti i requisiti.

• Il Titolo IV si occupa della delicata questione della trasparenza. Ai sensi dell’articolo 52 della proposta, i fornitori di sistemi AI che interagiscono con persone fisiche (come, ad esempio, i chatbot) devono garantire che le persone esposte siano informate del fatto che stiano interagendo con un sistema AI.

Lo stesso comportamento deve essere adottato dai sistemi di riconoscimento delle emozioni o di categorizzazione biometrica, informando le persone esposte ad essi del proprio funzionamento e ottenendo un consenso preventivo al trattamento dei dati biometrici e personali dell’utente. Inoltre, tutti quegli utenti che generano e/o manipolano contenuti multimediali che sembrerebbero a primo impatto autentici o veritieri (si pensi, ad esempio, ai deep fake) devono comunicare che tali contenuti sono frutto di una manipolazione basata sull’AI.

Allo stato attuale, la proposta di legge è al centro del triplice negoziato tra Commissione europea, Parlamento europeo e Consiglio europeo. Una volta adottato, l’AI Act entrerà in vigore dopo 24 mesi.

Questo vuol dire che, se si riuscirà a raggiungere entro fine anno un accordo finale sul testo del provvedimento, tale legge si applicherà, nella migliore delle ipotesi, alla fine del 2025 .

Indipendentemente dalle tempistiche, è importante evidenziare che l’Unione europea è la prima al mondo ad aver adottato in modo quasi definitivo una legislazione che regolamenterà ampiamente i sistemi di AI e, anche se non si sta ancora parlando del testo definitivo, in quello della proposta si possono comunque comprendere molte delle preoccupazioni che le autorità pubbliche hanno nei confronti del futuro dell’intelligenza artificiale.

_____
*A cura dell’Avv. Daniela Della Rosa – Partner Studio Legale Internazionale Curtis, Mallet-Prevost, Colt & Mosle LLP e Avv.Federico Criscuoli – Associate Studio Legale Internazionale Curtis, Mallet-Prevost, Colt & Mosle LLP

Aggiungi qui il testo dell’intestazione