art. 14 D.lgs. 472/92 Cessione di azienda in frode ai creditori

Indice dei contenuti delle ricerca

 

Approfondimenti 

  • All
  • agende legali
  • area diritto (banche dati)
  • area fiscale (banche dati)
  • area lavoro (banche dati)
  • banche dati
  • corner
  • ebook
  • esame avvocato
  • formazione
  • kit
  • libri
  • riviste
  • software
    •   Back
    • cancelleria
    • buste e cartoline per notifica
    • borse, zaini e articoli per il business
    • toghe, cordoniere e pettorine
    •   Back
    • diritto amministrativo
    • diritto penale
    • diritto del lavoro
    • diritto civile
    • diritto industriale e diritto d'autore
    • diritto comunitario e internazionale
    • diritto societario e commerciale
    • diritto fallimentare e crisi d'impresa
    • concorsi ed esami
    • saggistica e varia
    • energia e ambiente
    • edilizia e urbanistica
    • fisco e tributi
    • contabilità e bilancio
    • storia del diritto
    • diritto romano ed ecclesiastico
    • dizionari
    • privacy
    • diritto costituzionale
    • consulenza del lavoro
    • circolazione stradale e infortunistica
    • diritto delle nuove tecnologie, informatica e digitale
    • informatica e digitale
    • teoria e filosofia del diritto
    • diritto pubblico
    • urbanistica ed edilizia
    • cosulenza del lavoro
    • concorso magistratura
    •   Back
    • corsi
    • eventi e convegni
FRODE FISCALE

Questa nuova edizione del volume è stata rivista alla luce della più autorevole dottrina e della recentissima giurisprudenza della Corte di Cassazione ed ampliata con approfondita analisi dei complessi aspetti…

Il prezzo originale era: 70,00 €.Il prezzo attuale è: 66,50 €.
SISTEMA DELLE SANZIONI TRIBUTARIE

Il volume, giunto alla seconda edizione, esamina tutte le sanzioni tributarie, penali ed amministrative, soffermandosi in particolare sui reati in tema di imposte sui redditi e sul valore aggiunto, previsti…

Il prezzo originale era: 95,00 €.Il prezzo attuale è: 90,25 €.
La nuova frode fiscale

La presente edizione de La Nuova Frode Fiscale è stata elaborata alla luce della più recente giurisprudenza della Corte di Cassazione e della migliore dottrina. L'opera si arricchisce, per un…

Il prezzo originale era: 33,00 €.Il prezzo attuale è: 26,40 €.

APPROFONDIMENTI della nostra redazione

Maggiore attenzione ai diritti di difesa dei coobbligati solidali nelle procedure di riscossione coattiva, sia nell’ipotesi della coobbligazione paritetica che di quella dipendente (ad esempio, soci di società di persone). Si tratta di un criterio condivisibile e qualificante della delega fiscale, che trova origine in un orientamento rigoroso della Cassazione. La coobbligazione paritetica si verifica quando tutti i debitori realizzano allo stesso modo il presupposto d’imposta. Si pensi alle parti contrattuali nell’imposta di registro o ai detentori dell’immobile nella tassa rifiuti. La coobbligazione dipendente, invece, si verifica quando il condebitore è chiamato in causa in conseguenza dell’obbligazione tributaria sorta a monte in capo al contribuente. Si pensi ai soci illimitatamente responsabili dei debiti delle società di persone o al cessionario d’azienda, per i debiti risultanti del cedente, ai sensi dell’articolo 14, Dlgs 472/1997. Il punto è che, secondo l’orientamento prevalente della Corte di cassazione, nei casi sopra descritti, il coobbligato non ha diritto a ricevere l’atto di accertamento, che dovrebbe essere notificato unicamente al debitore “principale” (Cassazione 28709/2020). Il condebitore, sempre secondo questo orientamento, viene raggiunto direttamente dagli atti di recupero coattivo (cartella o intimazione di pagamento), dai quali tuttavia non è affatto agevole comprendere l’origine e la natura della pretesa azionata. Si è peraltro dell’opinione che, nelle procedure originate dall’accertamento esecutivo, il coobbligato, sia paritario che dipendente, abbia il diritto di vedersi notificare il medesimo accertamento inviato al contribuente principale, e non solo gli atti della procedura di riscossione coattiva. In questa medesima posizione, peraltro, si trovano anche i soci delle società di capitali estinte, in qualità di successori dei debiti della società cessata, sebbene la loro responsabilità sia ovviamente limitata alle somme ricevute in sede di bilancio d liquidazione (Cassazione 31904/2021). A ciò si aggiunga che. sempre secondo il suddetto orientamento dei giudici di vertice, il termine di decadenza per la notifica dell’atto di accertamento dovrebbe essere rispettato solo nei confronti del debitore principale (Cassazione 20766/ 2021). I condebitori invece restano esposti alle operazioni di recupero fino a quando non spirano i termini prescrizionali (di regola 10 anni), che peraltro possono anche essere interrotti all’infinito con una intimazione di pagamento. Lo schema di delega sembra quindi voler riequilibrare le posizioni in campo, valorizzando i giusti diritti di difesa dei suddetti coobbligati. Si è al riguardo dell’opinione che ciò dovrebbe essere perseguito non solo imponendo sempre e comunque la notifica dell’accertamento esecutivo a tutti i coobbligati ma anche stabilendo termini più stringenti per gli atti rivolti a questi ultimi.

Aggiungi qui il testo dell’intestazione