LA GIUSTIZIA RIPARATIVA E IL RUOLO DELL’AVVOCATO (in preparazione)

Il corso si svilupperà in 4 lezioni di cui la terza e la quarta si svolgeranno in un secondo momento (dopo la pausa estiva) in modo da poter affrontare le tematiche proposte alla luce delle prime applicazioni pratiche e le modifiche normative.

Lo scopo del corso è quello di fornire agli avvocati tutti gli strumenti per svolgere al meglio l’attività di assistenza legale verso i propri clienti e individuare le strategie difensive più opportune.

Un ruolo importante verrà riservato agli aspetti psicologici e sociali che saranno fondamentali nell’attività di mediazione.

Descrizione

Il corso di svolgerà presso il Centro di formazione Medichini di Piazzale Clodio (ingresso aula Via Golametto 2A angolo Piazzale Clodio).

E' possibile seguire il corso anche da remoto in diretta streaming attraverso piattaforma Zoom. 

Quota di iscrizione:

  • Quota di listino € 250+IVA
  • Quota agevolata agli iscritti alla Camera Penale e altri enti convenzionati € 200+IVA

Docenti e responsabili scientifici del corso

 

Pasquale Lattari

Maria Pia Giuffrida

Emma Tosi

 

Altri relatori

Eugenio Zini 

Graziella Colaiacomo

 

 

MARIA PIA GIUFFRIDA

 

Maria Pia Giuffrida, assistente sociale, ha lavorato dal 1979 al 2012 presso l’Amministrazione penitenziaria ricoprendo diversi incarichi a livello locale e nazionale. In particolare si è occupata di Formazione del personale, ha diretto l’Ufficio dipartimentale delle misure alternative, e nominata nel 2002 Dirigente generale ha ricoperto dal 2006 il ruolo di Provveditore regionale prima in Basilicata e poi in Toscana.

Ha ricoperto diversi incarichi a livello nazionale e internazionale ed ha al suo attivo diverse pubblicazioni sul sistema penitenziario, misure alternative, mediazione penale.  Ha coordinato Progetti anche europei e diversi Piani esecutivi di azione nell’ambito della programmazione del MG.

Dirigente generale dell’amministrazione penitenziaria, ha presieduto, per 12 anni, la Commissione sulla giustizia riparativa e la mediazione penale istituita nel 2000 presso il DAP.

Ha collaborato quale componente al Tavolo 13 degli Stati generali “Giustizia riparativa, mediazione e tutela della vittima” su nomina del Ministro Orlando

E’ componente del  Comitato scientifico del “Comitato nazionale dei mediatori esperti in programmi di giustizia riparativa e mediazione vittima/reo”.

E’ stata nominata componente del Comitato Scientifico istituito dall’Autorità Garante nazionale per l’Infanzia e l’Adolescenza nell’ottobre 2021

Ha fatto parte, giusta nomina della ministra della Giustizia Cartabia (DM del 26.11.21), del gruppo di lavoro di cui all’art. 6 del DM 28 ottobre 2021, per l’elaborazione degli schemi di decreto legislativo recanti la disciplina organica della giustizia riparativa.

E’ iscritta – giusto PDG del 17 febbraio 2024 – con il numero 18 all’Elenco dei mediatori penali esperti in giustizia riparativa,  istituito presso il Ministero della giustizia.

Ha avuto attribuita quale mediatore penale esperto la qualificazione di formatore a far data dal 18 marzo 2024.

 

Dal 2014 è socio fondatore dell’Associazione Spondé Onlus, di cui è Responsabile scientifica

 

 

 

PASQUALE LATTARI

 

Co-fondatore, socio e curatore area legale del Consultorio Familiare Diocesano “Crescere insieme” della Diocesi di Latina-Terracina- Sezze - Priverno che si occupa di tutte le problematiche familiari in particolare dei minori e degli adolescenti in situazioni di disagio e devianza dal 2003

 

Coordinatore e responsabile dell’ Ufficio “in Mediazione..” di riconciliazione e riparazione in ambito minorile della Provincia di Latina che effettua la mediazione penale minorile a seguito di un protocollo d’intesa ed operativo tra il Ministero della Giustizia Centro Giustizia Minorile, Provincia di Latina, Comune di Latina e Consultorio Familiare Diocesano Crescere Insieme di Latina-Terracina - Sezze -  Priverno

-Coordinatore e responsabile dell’ Ufficio di giustizia riparativa e di mediazione penale di Latina che effettua la mediazione penale nei procedimenti di messa alla prova ex lege 67 del 2014 – in cui sono coinvolti rei ai primi reati in particolare adolescenti - a seguito Protocollo tra il Ministero della Giustizia – UEPE di Latina, il Tribunale di Latina ed Consultorio Familiare Diocesano Crescere Insieme di Latina - Terracina - Sezze - Priverno dal 2017

-Responsabile Centro Giustizia Riparativa e mediazione penale minorile della Regione Lazio istituito con determina della Giunta regionale del Lazio 9 agosto 2017 n. 537 e successivi bandi pubblici ed assegnato nel dic.2019 all’ATS con capofila Associazione per la famiglia Onlus che gestisce il Consultorio familiare Diocesano “Crescere insieme” della Diocesi di Latina – Terracina - Sezze- Priverno che effettua attività di giustizia riparativa e mediazione penale minorile per tutti i minori attenzionati dalla autorità giudiziarie del Tribunale per i minorenni di Roma per la Regione Lazio

Responsabile progetti di Giustizia riparativa in ambito sociale e scolastico.

Docente e formatore in corsi sulla giustizia riparativa.

Direttore e curatore della Collana Percorsi Giustizia Riparativa della Key Editore

Autore:

-La giustizia riparativa. La disciplina organica del decreto legislativo 150 del 2022. (cd Riforma Cartabia) Norme e contenuti esperienziali Milano 2023

“La giustizia riparativa Una giustizia umanistica. Una cultura dell’incontro per ogni conflitto”  Milano 2021;

Coautore:

 “La giustizia riparativa tra principi normativi – legge 134 del 2021 ed esperienza concreta” Milano 2022

 

 

EMMA TOSI, EUGENIO ZINI, GRAZIELLA COLAIACOMO 

 

Avvocati penalisti del Foro di Roma Sostengono e promuovono le misure di comunità per la fuoriuscita dal circuito penale, il potenziamento dei percorsi alternativi al carcere e la diffusione delle pratiche di giustizia riparativa

Mi interessa e vorrei avere maggiori informazioni

Dopo aver inviato la richiesta resti in attesa della conferma dall’organizzazione che le risponderà confermando la disponibilità dei posti

PROGRAMMA

Mi interessa e vorrei avere maggiori informazioni

Dopo aver inviato la richiesta resti in attesa della conferma dall’organizzazione che le risponderà confermando la disponibilità dei posti